Strategia Scommesse Live e Betting Exchange: puntare sulla favorita

Iniziamo la nostra serie di articoli di strategia sulle scommesse live sfruttando però le funzionalità delle piattaforme di betting exchange che ben si prestano al trading live. E’ bene essere chiari: questa strategia è un ibrido tra scommessa pura e trading.

In questo primo articolo, applichiamo una strategia semplice ma che può essere molto efficace. Considerando che nel betting c’è valore tendenzialmente sulle favorite (e di conseguenza sulle short odds), pensiamo di valorizzare ancora di più questa posizione di vantaggio, prendendoci live dei rischi (calcolati).

Se l”underdog passa in vantaggio…

Lo scenario che analizziamo è quando la squadra underdog va a condurre la gara, segnando il primo goal. Molti trader professionisti, negli anni d’oro di Betfair, applicavano la strategia lay underdog (che vi andremo a spiegare in seguito).

C’è da dire che da un punto di vista estetico e tecnico, per chi è innamorato del betting exchange, all’apparenza la strategia lay the underdog sembra all’appartenza la più corretta, ovvero bancare la squadra sfavorita che vince per 1-0 (in tal caso la vittoria della favorita o il pareggio diventerebbero due posizioni vincenti.

zenit-san-pietroburgo
Abbiamo applicato questa strategia in occasione della partita preliminare di Europa League tra Zenit San Pietroburgo e Molde

Perché il metodo back the favorite è migliore

Sinceramente preferisco questo modo di scommettere (back the favorite) perché ho una responsabilità minore ma un ritorno maggiore rispetto al lay the underdog. Quindi, se siete bravi a fare bene i conti, capirete presto a cosa mi riferisco(e nell’esempio a margine sarà facile comprenderlo).

La componente psicologica del mercato: sfruttiamola!

In questo caso sfruttiamo un extra valore che viene determinato da una condizione collettiva psicologica che può essere sfruttata a nostro vantaggio.

Vogliamo far leva sulla favorita quando passa in svantaggio e la sua quota viene sopravalutata dal mercato. La favorita subisce goal e si innesca un processo psicologico che può essere sfruttato a vostro favore. In questo momento, molti trader vengono presi dal panico e vogliono uscire dal mercato, vendendo la loro posizione iniziale ad un prezzo alto. Un ragionamento simile lo fanno i bookmakers che vogliono attirare lo stesso gioco sulla squadra che (pre-match) godeva dei favori del pronostico. Così i quotisti decidono di convincere anche i più scettici ed alzano di brutto la linea delle odds sulla favorita.

In genere in questi casi si crea valore sulle quote ed è in questo momento che deve intervenire uno scommettitore esperto.

Se per voi però la quota rimane troppo bassa, allora è giusto non entrare nel mercato.

Naturalmente dovete valutare questo sistema nel lungo periodo. Ci sta anche di perdere una partita ma se live ci sono le condizioni, è giusto rischiare per guadagnare un extra valore.

Puntare sulla favorita solo a certe condizioni

Non è detto però che questa strategia sia adatta a tutte le situazioni. Prima di tutto è importante guardare il match live. Aprite la vostra posizione   sul mercato solo se la squadra underdog (la sfavorita) segna per prima.

A questo punto puntate sulla squadra favorita, godendo di un extra value, approfittando del processo psicologico che si innesca sul mercato.

In genere è bene non applicare questa strategia in due casi

  • se non state guardando la partita live in televisione (rischioso, magari la favorita è in evidente giornata no)
  • scommettete contro squadre molto forti in contropiede

Su questo secondo aspetto faccio un esempio molto calzante: Brasile-Belgio nei recenti mondiali del 2018. Il Belgio è passato in vantaggio su palla inattiva, in modo forse un pò casuale. Ma sullo 0-1 sarebbe stata follia pura puntare sul Brasile considerando che i Diavoli rossi sono uno dei team tra i più forti nelle ripartenze. Ed infatti sono andati sullo 0-2 con una azione di contropiede. A quel punto la reazione dei verdeoro è stata rabbiosa e sono riusciti ad accorciare sull’1-2 ma, anche con un pizzico di sfortuna, sono stati eliminati.

Statistiche pre-match e live

In ogni caso fate anche una ricerca pre-match e cercate di essere certi che la squadra in svantaggio sia considerata particolarmente favorita in questa partita. A me piace scommettere su squadre in forma che, nelle statistiche pre-match, abbiano almeno 4 risultati positivi nelle ultime 5 partite.

Un altro vantaggio da sfruttare è consultare le statistiche live: tiri in porta, possesso palla, numero di corner. Se non abbiamo statistiche forti sulla squadra in svantaggio è meglio aspettare e studiare il match.

Entrate però nel mercato e scommettete sulla vittoria della favorita se lo 0-1 avviene entro un’ora di gioco.

In sintesi, entrate nel mercato quando:

  • se la squadra sfavorita passa in vantaggio
  • il team in svantaggio era molto favorito nelle statistiche pre-match
  • c’è un incremento importante nella quota della favorita dopo lo 0-1 e secondo voi può esserci valore
  • guardate la partita live ed avete la sensazione che i favoriti possano rientrare in partita (consultate anche le statistiche)
  • aprite la posizione entro massimo un’ora di gioco
  • non applicate questa strategia contro team forti in contropiede

Punto di uscita:

  • Se pareggia la favorita vi potete accontentare di un profitto sicuro oppure azzerare la vostra responsabilità ed andare in freebet
  • Se la favorita non segna e neanche l’underdog: al 70′ uscite (stop loss)
  • Se underdog segna ancora e si porta sullo 0-2 (stop loss)

C’è anche una strategia avanzata che applicano i professionisti che è una variante importante e che può aumentare del 50% i vostri profitti. Ve lo sveleremo nella nostra sezione delle strategie avanzate.

Esempio

Turno preliminare di Europa League: Zenit San Pietroburgo-Molde. La quota iniziale dei russi era 1.53. I norvegesi, a sorpresa, passano in vantaggio al 42′ e le odds sui russi schizzano a 3.65 mentre quella sul Molde a 2.62. Le statistiche live sono però a favore dello Zenit che nel turno precedente ha vinto un match per 8-1 ribaltando il risultato sfavorevole del match d’andata.

zenit molde

Se dovessi applicare il tradizionale lay the underdog avrei una responsabilità di circa 16 euro per vincerne 9.50 (10 meno il 5% di commissione applicata dalla piattaforma di betting exchange). Se punto sullo Zenit invece ho una responsabilità di 10 euro per vincerne oltre 26. Chiaro che nella prima ipotesi mi basta un goal per incassare 9.50.

Nella seconda ipotesi invece mi servono due goal, ma il nostro piano è fermarsi sull’1-1 ed andare in freebet (o chiudere in profitto).

zenit segna

Stiamo guardando il match e la partita è in mano ai russi. E puntualmente arriva il goal del pareggio al 71′. Mancano 20 minuti e preferiamo coprire la responsabilità ed andare in freebet e non rischiare. Il profitto potenziale in freebet è di 8.07.

betting-exchange
Questa è la doppia operazione che è stata fatta prima e dopo il goal dell’1-1. Il margine lordo è di 8.5 ma essendo una piattaforma di exchange, viene applicata una commissione del 5%.

I russi non tradiscono le attese e prima fanno il 2-1 e poi addirittura il 3-1. Incassiamo con un rischio (calcolato) sostanzialmente minimo.

In ogni caso la proporzionalità tra perdite e vincite potenziali è buona. Abbiamo rischiato 10 per vincere 8 ma potevamo rischiare anche dopo il pareggio e vincerne addirittura 26.

Ti potrebbe interessare

MendietaBet

Mendietabet, le value bet: quando le quote sono superiori a Pinnacle! I segnali…

Perché le quote quando sono superiori alla linea di Pinnacle sono da considerarsi value bets? L'analisi di Mendieta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Resta aggiornato iscrivendoti alla nostra Newsletter!