Tennis, strategia scommesse: il metodo di Dan Weston e la sua analisi sull’ US Open

I favoriti e gli assenti all’US Open

L’analisi di Dan Weston sugli US Open con le sue strategie più interessanti nelle scommesse legate al tennis.

Con Rafa Nadal rimasto a casa a preparare gli Open di Francia e Roger Federer ancora infortunato, all’ US Open l’attesa è tutta per Novak Djokovic che anche nel post lockdown ha dimostrato di essere il numero 1 e di avere un edge rispetto agli avversari anche dal punto di vista mentale.

Si è imposto al Master 1000 di Cincinnati. Andy Murray invece si sta riprendendo molto bene dall’infortunio all’anca che ha messo a grosso rischio la sua carriera, ma nelle gambe non ha la resistenza per reggere le battaglie di uno Slam che si gioca al meglio dei 5 set.

A Cincinnati, il britannico ha retto fino al terzo turno, vincendo le prime due partite al terzo set, ma arrivato al quarto giorno del torneo ne ha pagato le conseguenze per la stanchezza accumulata. Lo scozzese ha ancora tanta benzina mentale ma ci vorranno ancora mesi prima di vederlo al massimo della forma fisica. Il lungo stop si fa sentire.

Novak Djokovic è il top in questo momento anche per Dan Weston

Dan Weston: “Djokovic forte favorito agli US Open”

Djokovic più in alto di tutti tra i favoriti della vittoria finale degli US Open appena partiti, lo vede in pole position anche Dan Weston, lo sport trader più esperto al mondo nel tennis.

Dan Weston ha appena condiviso il suo pensiero sul singolare maschile degli US Open sul blog di Betfair: “Novak è il grande favorito”. Il trader alla tv americana aveva previsto una quota in Antepost pari a 2 su Djokovic la scorsa settimana, ma la vittoria al Master 1000, ha fatto piombare la quota sul serbo a 1.84 su Betfair International. Su Bet365 lo trovate a 1.72. Una quota al limite.

Il metodo di Dan Weston

Rispetto agli altri trader, Weston ha un sistema tutto suo, sviluppato negli anni, per valutare dal punto di vista tecnico un giocatore. In base ai parametri tecnici calcolati per i protagonisti che devono scendere in campo, capisce se le quote sono di valore o meno.

Weston somma due dati fondamentali per ogni tennista: la percentuale di tenuta del servizio e la percentuale di propensione al break, o in alternativa la percentuale di punti vinti al servizio e alla risposta.

  • Primo parametro: % tenuta servizio + % tendenza al break
  • Secondo parametro: % punti vinti al servizio + % vinti in risposta

Nella sua analisi degli US Open, usa questo secondo criterio (percentuale punti vinti al servizio e alla risposta).

I valori di Djokovic e di Medvedev

Djokovic ha un valore di 115,5% (service/return points won percentage) e la sua quota antepost è di 1.84 (Betfair exchange international e 1.72 sui vari bookmakers).

Daniil Medvedev è il secondo in questo speciale ranking tra i protagonisti degli US Open: 108%. E’ pagato su Bet365 è di 7 volte la posta.

Vinse l’anno scorso ma per Weston “lui si trova meglio in campi più veloci e la superficie di Flushing Meadows tende a dessere medium-slow (medio-bassa)”.

Nadal-Feder-Djokovic: top mondiali per distanza

Dan Weston sostiene che Djokovic non avrà rivali all’US Open perché mancheranno Nadal e Federer. Questi 3 tennisti sono avanti anni luce rispetto agli altri: lo confermano i suoi parametri tecnici.

“Chi supera il 111% è un giocatore di livello mondiale” e loro lo sono.

Per il primo criterio (service hold più percentuale break), i top al mondo superano il 115%.

  • I primi 10-20 giocatori al mondo nel ranking APT superano in genere il 103% (somma percentuale punti vinti al servizio e alla risposta).

Daniil Medvedev è l’unico che – per i numeri – si avvicina ai fantastici 3.

Fognini tra i giocatori “enigmatici”

Weston analizzando i parametri di Fognini, Paire e Kyrgios li definisce “giocatori enigmatici che offrono picchi elevati ma anche difficoltà ad offrire prestazioni coerenti“. Anche Monfis rientra a pieno titolo in questa categoria.

Chi sono i più forti al servizio?

Per quanto riguarda i più forti al servizio, le percentuali di punti vinti sulla battuta indicano 3 nomi: Milos Raonic , John Isner e Borna Coric. Ed i primi sono due specializzati nei tie break vinti. Su questi dati si possono costruire nel tennis strategie molto interessanti. Alla prossima!

Ti potrebbe interessare

Betting Exchange

Betting Exchange: Strategie Lay the Draw Primo Tempo (LTD1)

Nel precedente articolo vi abbiamo spiegato i principali difetti della famosa strategia di Betting Exchange …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Resta aggiornato iscrivendoti alla nostra Newsletter!